Today: 18.Nov.2017

unina8

 

 

Il Dipartimento di Agraria dell'Università di Napoli "Federico II" ha sede nella prestigiosa Reggia di Portici, un edificio voluto da Carlo di Borbone, quando invitato dal principe di Elboeuf Emmanuele Maurizio di Lorena a trascorrere una giornata nel suo palazzo di Portici, si innamorò del luogo e decise di costruirvi una residenza estiva.

La direzione dei lavori fu affidata al romano Canevari, e per decorare le sale furono chiamati pittori quali Giuseppe Bonito.

Le sculture e le statue del parco, realizzate in marmo di Carrara, sono invece attribuite al Canart.

I lavori della Real Villa terminarono nel 1742 e molte delle famiglie aristocratiche del tempo fecero a loro volta costruire ville nei dintorni, creando una singolare concentrazione di palazzi e giardini noti oggi come Ville Vesuviane, patrimonio culturale di grande rilievo.

Nel corso degli anni la Villa subì varie modifiche: originariamente ideata su una pianta quadrata venne ampliata nel periodo francese con una intera nuova ala verso il mare ed una orientata verso il Vesuvio. L'edificio è caratterizzato da una superba facciata con ampie terrazze e balaustre.

Un ampio vestibolo conduce al piano nobile con uno scenografico scalone lungo il quale si possono ammirare statue provenienti dall'antica Ercolano, da dove provengono anche altri elementi architettonici presenti nella fabbrica.

Di particolare rilievo artistico, il "salottino di porcellana" della Regina Maria Amalia, originariamente presso il palazzo, attualmente viene conservato al Museo di Capodimonte di Napoli.

Elemento di rilievo del complesso architettonico, il grande parco, caratterizzato da lunghi viali, e strutturato come un giardino all'inglese, originariamente riserva di caccia del Re Borbone e che si estendeva dal mare alle pendici del Vesuvio.

La Reggia fu acquistata dall'Amministrazione Provinciale di Napoli nel 1871 con lo specifico e dichiarato intento di destinarla a Scuola Superiore di Agricoltura, la prima per l'Italia meridionale ed insulare, la terza in Italia, preceduta da quelle di Pisa e di Milano dopo (1870).

La scuola, di durata triennale, fu legalmente riconosciuta con regio decreto del 14-1-1872, n. 658, l'inaugurazione avvenne il 9-1-1873 e gli iscritti di quell'anno furono esattamente 19.

A partire dall'anno accademico 1893-94, la durata dei corsi passò a quattro anni e con l'anno scolastico 1924-25 la scuola, per effetto del decreto n. 2492 del 3-8-1923, assunse il nome di Istituto Superiore Agrario e dipendeva completamente dal Ministero dell'Agricoltura.

Con l'anno accademico 1935-36, a seguito del passaggio al M.P.I., l'Istituto assunse l'attuale nome di Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Napoli.

A partire dall'a.a. 2013-2014, in ottemperanza alla Legge Gelmini, è stato istituito il Dipartimento di Agraria.

 

Piantina del dipartimento di Agraria

Il Dipartimento dispone di un laboratorio di Fisiopatologia vegetale (mq 70), di un laboratorio di Lotta Biologica (mq 110), di un laboratorio di Batteriologia ( mq 55) e di un laboratorio di Micologia ( mq 60).

Inoltre, per l’esecuzione dei progetti si dispone di un laboratorio per studi di biologia molecolare e fisiologia degli insetti di 110 mq, di un laboratorio di lotta biologica (mq22), un laboratorio di nematologia ( mq 161), un laboratorio di etologia degli insetti (mq56), un laboratorio di apicoltura (mq100), di serre e camere di crescita.

Tutte le strutture e laboratori disponibili sono attrezzati in modo ottimale per lo svolgimento delle attività previste dall’Aggregazione.

 

 

 unina Dipartimento di Agraria
Università degli Studi di Napoli
Via Università, 100, 80055 PORTICI (NA)
Tel/Fax : +39 081.2539380
Sito Web : http://www.dipartimentodiagraria.unina.it/
Facebook : https://it-it.facebook.com/agraria.unina/

Il Parlamento Europeo

Parlamento europeo
13.4 milioni, 37%, 24... A cosa corrispondono i numeri della settimana della #PlenariaPE? Un video per scoprirlo: https://t.co/224ATVUwiU
Parlamento europeo
Riforma del sistema di asilo: il Parlamento europeo ha deciso che i negoziati possono iniziare. L'intervista con… https://t.co/abyc1RAdUs
Parlamento europeo
Intervista 🎥 alle protagoniste del film vincitore del premio #Lux 2017. Ecco come raccontano "Sameblod" (Sangue Sam… https://t.co/ZX17UILaIC
Parlamento europeo
Nuovo nome e più notizie per l'account video del Parlamento europeo. Date un'occhiata a @europarl_video ⬇️⬇️⬇️ https://t.co/6WNKeLxZAk
Follow Parlamento europeo on Twitter